Sharing is caring!

Ti lascio con un punto di domanda.

Prima di lasciarti al tuo meritato riposo, cosa che non potrò fare io, in quanto impegnato nella stesura del mio primo e-book. E quale momento migliore per farlo?

Il mio primo e-book

E già, ho deciso di scrivere su una mia tecnologia super collaudata per creare una Rete di Vendita ad alte prestazioni. Presto sarà disponibile per tutte le aziende che hanno bisogno di migliorare quest’aspetto della propria organizzazione.
E da quest’ultimo, ti lascio un breve estratto che riguarda il tuo gruppo.

Fare Gruppo

Nella mia lunga carriera, ho sempre sentito dire e sostenere con forza questi principi: “Bisogna fare gruppo”, “il singolo non è nulla senza il gruppo” e cose di questo tipo.
Tuttavia, ho anche assistito molto spesso, a un fenomeno comune in tante aziende; un antagonismo tra i vari rami dell’azienda.

Sotto gruppi

Si creano dei veri e propri clan, sottogruppi; il sottogruppo degli amministrativi, il sottogruppo della logistica e così via, per ogni dipartimento.
Il vero perché, è che ognuno di questi sottogruppi ha una propria meta, diversa dall’altro e non condivisa.
Gli amministrativi hanno come unico obiettivo far rispettare le procedure aziendali e far quadrare i conti; la logistica, sbrigare le proprie funzioni nel più breve tempo possibile e i venditori/repartisti, vendere più che possono.

Scopi di Divisione e Meta aziendale

Tutto legittimo fino a qua, ma di una cosa non si tiene conto: questi scopi di divisione, rispondono a una meta più grande, quella aziendale? Molto spesso no.

Le loro mete sono fini a se stesse e non rispondono a un progetto molto più ampio, miope com’è, nel concentrarsi esclusivamente alle singole problematiche del ramo aziendale.

L’unico modo per rimettere tutti in linea e placare gli animi, è quello di ricordare a tutti; il nostro obiettivo finale, la nostra Meta di gruppo. In quanto unica entità. Una squadra che gioca la propria sopravvivenza contro altre squadre lì fuori, no all’interno, in guerre intestine all’organizzazione.

Meta aziendale

È fondamentale avere una Meta chiara, condivisa da tutti che crei emozioni positive e interazioni tra i singoli elementi di un’azienda.
● È l’unico vero collante nella logica di appartenenza. Ti fa sentire parte di un marchio, di cui vai fiero e orgoglioso di esserne fautore e ambasciatore.
● Se poi riesci, a fare provare questi stessi sentimenti, così elevati, anche ai tuoi clienti, così come sono riuscito io dopo qualche anno di ottime attività di pubbliche relazioni e di marketing, beh, i tuoi concorrenti non avranno più speranza di poter vincere contro la tua organizzazione.

Gruppo

Il Gruppo, non è la somma dei singoli individui che lo compongono; questo accade quando non c’è una Meta aziendale condivisa, ma è un’unica entità che si muove all’unisono verso il proprio scopo. E tanto esso è elevato tanto più il gruppo sarà invincibile.

Sta a te, titolare dell’impresa, creare questo coagulo tra i singoli individui, tra i dipartimenti e le divisioni aziendali. Finalizzare i loro sforzi verso quello che sarà la tua visione e gli scopi del gruppo. Finché non lo farai, avrai sempre; guerre interne e problemi di gestione.

C’è chi pensa…

Ho anche incontrato, in questi ultimi anni, imprenditori che ritengono che avere l’organizzazione aziendale fatta in singole camere stagne sia meglio che avere un’apertura di questo tipo. Questa condizione gli permette di avere un maggior controllo sui singoli individui e una minore resistenza sulle linee di comando.

A mio avviso, l’unica ragione che li spinge verso questa scelta, è la paura.

La paura di non essere in grado di poter gestire una forza così potente. E allora cosa fa? La rende innocua. Equivale a un pilota che ha tra le mani un bolide da 500 cavalli e nel timore di schiantarsi dentro a un muro, viaggia in prima marcia al massimo in seconda. Ma non ha alcun senso.

Comprati una Panda e andrai da Dio.

Non metterti alla guida di un’impresa se hai paura di guidarla alle massime prestazioni.

Oltretutto, stai mostrando il fianco molle ai tuoi concorrenti, che avranno vita facile a superarti e lasciarti indietro.

Un vero Leader

Tutte le attività con una sana leadership, promuove la complicità tra le varie funzioni aziendali e ne consegue maggiori chance di sopravvivere in quest’epoca iper-competitiva.

Mare appena mosso
Mare appena mosso

È risaputo, che l’equipaggio di una nave, non sarà mai un vero gruppo finché non affronterà una forte tempesta o un uragano. Perché, solo allora, in quelle pericolose circostanze, tutti daranno il massimo contributo verso la propria meta di gruppo: la propria sopravvivenza e quella dell’intero gruppo.

Ma tu, ha mai condiviso questa realtà?

Qui sorge spontanea una domanda: hai mai fatto percepire ai membri della tua azienda che in questo momento storico stiamo navigando con il mare forza quindici?

Ecco, quando le cose non vanno proprio bene, quando abbiamo difficoltà a portare avanti la nostra impresa, abbiamo la necessità di condividere le nostre emozioni con il gruppo e fare il modo che tutti diano il massimo contributo. Nasconderci dietro un “va tutto bene” è un errore che può costarci caro.

Bene, se non hai ancora preso in seria considerazione quest’attività di coinvolgimento del gruppo verso la Meta aziendale o se non hai una Meta, beh, credimi, stai rischiando grosso, più di quanto immagini.

Un Team coeso
Un Team coeso

Ti consiglio di dare una svolta rapida a questo tuo atteggiamento e imprimere tra le file della tua organizzazione quella linfa motivazionale che è la tua Meta. Sei tu a decidere quale sarà e sei tu che dovrai trovarla.

Tenendo presente che non deve mai essere finalizzata al mero guadagno di denaro ma deve avere un fine molto più alto.

Altrimenti non verrà condivisa dai tuoi sottoposti.

Sharing is caring!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *